giu 25

Un regale esempio di marketing

Indovina chi e’ la personalita’ piu’ ritratta del Regno Unito? Lei, al secolo Elisabetta Mary Alexandra Windsor, da tutti conosciuta come Sua Maesta’ Elisabetta II. Da sessanta anni regina del Regno Unito, ha il primato di essere in assoluto la persona piu’ ritratta d’Inghilterra. Se questo non e’ marketing?

La potremmo definire una “regina di quadri”, ma Elisabetta non ha posato solo per noti pittori, come Pietro Annigoni, Justin Mortimer, Lucian Freud, per citarne solo alcuni, ma si e’ lasciata immortalare da tutti i piu’ grandi fotografi del nostro tempo, concedendo la sua immagine alla libera interpretazione dei piu’ fantasiosi creativi. L’immagine della regina viene addirittura rielaborata nel 1977 da Jamie Reid per la copertina di un disco dei Sex Pistols, suscitando clamore, ma aprendo anche la strada a particolari variazioni sul tema; celebri sono quelle di Andy Warhol e la “Croce collage” di Gilberte & George, composta con cartoline della famiglia reale inglese. Un’operazione di marketing quindi a tutti gli effetti.

Adesso una mostra alla National portrait gallery di Londra (fino al 21 ottobre) ripercorre la storia illustrativa, dal 1950 al 2000, di una regina che si e’ servita della sua immagine, come significativo mezzo di comunicazione verso i suoi sudditi ed il mondo intero. Circa sessanta le opere in mostra tra dipinti, fotografie, stampe, collage, manifesti e fotogrammi.

E’ proprio il caso di dire: “God save the Queen!”.

 

 

giu 25

Il Panda di Google premia la qualita’

Tieni presente che ora piu’ che mai per migliorare il tuo posizionamento sui motori di ricerca devi puntare sulla qualita’ del tuo blog e fornire degli articoli di interesse, ricchi di contenuto.

L’introduzione di Google Panda ha avviato infatti nuove regole Seo, penalizzando da una parte il posizionamento di siti in cui venivano riproposti (per non dire copiati) articoli gia’ esistenti in rete e premiando invece dall’altra siti aggiornati di frequente, con alto contenuto.

Per cui mi raccomando, scrivi sul tuo blog degli articoli corposi di non meno di 200/300 parole e che siano interessanti ed esaurienti e soprattutto farina del tuo sacco, altrimenti Google bandira’ automaticamente il tuo blog dalle ricerche del suo motore.

Se infatti tratti un argomento devi farlo in modo completo e sviscerarlo in ogni aspetto, da vero esperto; non basta infatti scrivere poche righe, occorre metterci impegno e passione. Scegli quindi la tua nicchia e crea poche ma significative categorie, che aggiornerai costantemente con i tuoi post. Cosi facendo riuscirai ad aumentare il traffico verso il tuo sito in modo naturale senza dover ricorrere alla pubblicita’ a pagamento di Google Adwords ad esempio. Un altro modo da tenere in considerazione, per facilitare la ricerca del tuo blog, e’ di inserire una sua sitemape su Strumenti per i master di Google; questo infatti e’ uno strumento gratuito e utile per la Seo.

Sii grande, unico, dai informazioni rilevanti, osservando questi piccoli accorgimenti di Seo e vedrai che il numero di visitatori sul tuo blog aumentera’ di conseguenza, e quando altri siti ti citeranno gratuitamente e di loro iniziativa con un backlink, perche’ dai notizie di qualita’, potrai dire di stare andando davvero nella giusta direzione.

 

giu 25

Straordinario: il contrario di ottimo

Voglio oggi soffermarmi a parlarti di un libro di marketing straordinario dal titolo “La mucca viola”.

Se lo conosci sai di cosa parlo, se non lo conosci te lo consiglio vivamente. In questo libro l’autore Seth Godin dice una grande verita’: “Le idee straordinarie hanno molta piu’ possibilita’ di diffondersi delle idee che non lo sono”.

Sono pochi tuttavia coloro che creano qualcosa di davvero straordinario, questo perche’ i piu’ pensano che il contrario di straordinario sia pessimo o mediocre e ritengono che qualcosa di ottimo possa essere contagioso.

La Mucca viola, ossia lo straordinario, non e’ una questione di qualita’. Nessuno infatti e’ disposto a parlare e a diffondere qualcosa di ottimo, ma lo fara’ invece per qualcosa che va oltre, che si differenzia dalla norma e che offre appunto qualcosa in piu’. Il marketing del tuo prodotto sara’ in questo caso il prodotto stesso.

Questa unicita’ per avere seguito deve essere mirata ad un pubblico specifico, costituito da chi la adottera’ precocemente e sara’ ben felice di parlarne a conoscenti e amici che, influenzati, la utilizzeranno a loro volta, innescando cosi il suo successo nel mercato.

 

 

 

giu 25

Drammatizza la tua comunicazione

Drammatizza sempre quando comunichi le tue idee. Il cinema e la tv lo fanno, perche’ non farlo anche tu?

Le parole disgiunte dall’esperienza non hanno alcuna presa e tanto piu’ se non accompagnate da esempi che “drammatizzano” quello che vuoi comunicare. La verita’ infatti da sola non basta. Devi renderla vivida, interessante, drammatica appunto e usare uno stile spettacolare. I vetrinisti conoscono quale potere ha la drammatizzazione. Non basta infatti comunicare l’importante e’ mostrare con enfasi.

Basta guardare gli spot pubblicitari per rendersi conto di quale sia la giusta comunicazione nel marketing. Gli esempi sono moltissimi: una compressa antiacido, che lasciata cadere dentro una vaschetta di prova cambia addirittura il colore dell’acido contenuto, mentre la pasticca della concorrenza fallisce miseramente lo scopo; una certa marca di sapone o detersivo che sgrassa una camicia sporca, mentre la concorrenza la lascia tutta piena di ombre e aloni; e ancora una macchina che fa manovra in una serie di curve e tornanti molto meglio che nella realta’. Tutti questi spot drammatizzano a beneficio del potenziale acquirente i vantaggi offerti da questo o quel prodotto, invogliando a comprare.

Anche tu puoi drammatizzare le tue idee negli affari, nel lavoro e in ogni momento della tua vita. E’ semplice ed efficace e vedrai che cosi facendo attirerai maggiormente l’attenzione e, creando coinvolgimento, ti farai ascoltare con piu’ interesse e partecipazione.

 

 

giu 25

Come entrare in sintonia con la rete

Per far conoscere la tua attivita’ o il tuo prodotto servendoti del social networking e realizzare cosi una campagna che possa rivelarsi vincente, occorre tenere a mente tre fattori essenziali. Innanzitutto personalizzare l’esperienza on line dei tuoi potenziali clienti uno dei metodi migliori per interessarli. Unisci marketing tradizionale e web marketing. Racconta delle storie. Rendi i consumatori parte della tua campagna pubblicitaria. Chiedi il loro parere e coinvolgili emotivamente. Poi tieni in considerazione che la tua campagna possa fallire, a nessuno piace pensarlo, ma cosi ci si prepara nel caso ce ne sia bisogno a cambiare tattica. Se infatti il contenuto creato dagli utenti offre un bel po’ di benefici, e’ anche vero che non possibile tenere sotto controllo quanto dicono e non sempre sono cose positive; importante quindi prevedere i contenuti e i commenti e studiare una strategia in proposito. Spesso i commenti negativi non sono dovuti ad un difetto del prodotto, ma al modo in cui ci si pone sulla rete. Le critiche possono essere dovute infatti da un annuncio pubblicitario camuffato da semplice contenuto informativo o ancora da un video che offende una determinata categoria di persone…queste sono le regole del web marketing. Se riuscirai poi a rendere i tuoi clienti dei tuoi fan sarai a cavallo e le loro testimonianze saranno il tuo migliore biglietto da visita. Per prima cosa dovrai riuscire ad entusiasmarli, in modo che parlino dei tuoi prodotti e servizi ai loro amici, colleghi e conoscenti, quindi bisognera’ ideare una campagna capace di coinvolgerli al punto che desiderino divulgarne il contenuto e infine dovrai aiutarli con video, widget, pulsanti “Invia a un amico” e altri strumenti facili da utilizzare.

 

giu 25

Community on line utili per capire e coinvolgere

Come detto piu’ volte, la vera chiave del successo e’ riuscire a coinvolgere chi entra in contatto con noi ed il nostro brand. Per fare questo non esiste niente di meglio che porsi in ascolto delle conversazioni che si svolgono sulla rete. Sii disponibile a dare risposte e consigli e ti guadagnerai la fiducia dei navigatori, coinvolgendoli e facendo sentire le tue idee. Un passo fondamentale, se hai gia’ un brand o un’azienda ben avviata, potrebbe essere quello di creare una tua community, tieni presente che all’inizio non sara’ semplice e una volta lanciati gli argomenti di discussione, ricordati di porti in secondo piano, vale a dire dovrai essere presente certo, sempre e comunque, nella conversazione, ma che i veri protagonisti sono tutti coloro che partecipano alla community; non fare l’errore di cercare di vendere o di promuovere alcunche’. Una community on line infatti nasce, cresce e si sviluppa grazie ad un gruppo interattivo di persone, legate da un interesse comune, che per essere coinvolte devono sentirsi parte del gruppo, cosi da essere portate a partecipare in modo attivo, scambiandosi idee e esperienze. Se manca tutto questo manca la linfa vitale. Una valida alternativa alla community potrebbe essere di creare gruppi sui social network e anche qui valgono le stesse regole. Se poi hai un’azienda business-to-business il consiglio e’ quello di creare una tua community on line. Per realizzarla e’ necessario scegliere la piattaforma giusta, ne esistono di open -source e in licenza, per cui si deve pagare un canone mensile. Le piu’ conosciute sono: Share points, Kickapps e Drupal, semplici per quanto riguarda la gestione, il mantenimento e la possibilita’ di inserire nuove applicazioni nel tempo. Accanto alle community esistono i forum:spazi virtuali in cui vengono pubblicati messaggi su precise tematiche, scritti da utenti abituali con interessi comuni. I forum richiedono la registrazione dell’utente e sono anche utilizzati dalle aziende come strumento di assistenza on line. Sono quelli citati tutti validi strumenti di coinvolgimento e sia che tu decida di avviare una tua community o un tuo forum o di servirti di quelli gia’ esistenti in rete, le parole d’ordine devono essere comunque ascolto e partecipazione.

 

 

giu 25

Una buona rete di contatti per il tuo social network

Avere dei contatti e’ fondamentale affinche’ l’uso del social network dia dei risultati, senza di essi manca una rete di riferimento e se vuoi sfruttare al massimo il social network, e’ importante avere un numero utile di conoscenze. Questo non significa che devi inviare richieste di amicizia a chiunque. Infatti prima di pensare al chi e al come e’ utile riflettere sul perche’ ed applicare una strategia.

Prima di tutto e’ bene porsi questa domanda: “Qual’e’ il motivo per cui partecipo al social network?”. Stabilire un obiettivo semplifica, infatti, la creazione di una rete di contatti efficace. Poi quali siti stai utilizzando per aumentare la tua rete di contatti? Ogni social network ha infatti le proprie caratteristiche. E infine quali potrebbero essere i tuoi contatti ideali? Quindi va bene il numero, ma quel che conta ancora di piu’ e’ la qualita’.

Alcuni consigli in questo senso possono essere: cura la tua presenza sul sito, una pagina ben strutturata e ricca di contenuti attira maggiormente l’attenzione; individua le persone che condividono i tuoi stessi interessi e ancora informati sui contatti della concorrenza, che potrebbero essere interessati anche a quello che tu hai da offrire. Potresti provare a raggiungere tutti gli individui che lavorano in un determinato settore o tutti gli appassionati di qualcosa: musica, calcio, serie tv ecc.

Per qualcuno puo’ essere anche valida la tattica del tutti dentro; in questo caso non applicherai nessuna selezione e considererai ogni iscritto al social network un tuo possibile contatto. Non e’ una strategia adatta a tutti, ma se pensi sia la tua evita di ricorrere a quei software che incrementano il numero degli amici in modo automatico, l’ambiente del social network li disapprova fortemente. I modi per incrementare i tuoi contatti sono quindi vari e tutti validi, la scelta dipende dagli obiettivi che ti sei posto e da come li vuoi raggiungere.

 

giu 25

Facebook e Twitter nella strategia di web marketing

In un piano strategico di web marketing non si puo’ non considerare l’efficacia di un buon utilizzo dei social network, stiamo parlando in particolare di facebook e twitter, almeno in Italia, i piu’ conosciuti e diffusi.

Il social network puo’ essere definito come un ambiente web in cui le persone con un interesse o un bisogno comune si incontrano in modo virtuale per comunicare, condividere e scambiarsi informazioni.

In questo senso si puo’ dire che Facebook rende il business personale; infatti oltre all’interfaccia friendly offre una straordinaria opportunita’ per le aziende di porsi in ascolto, seguendo le conversazioni su un dato argomento in modo diretto. Per chi si occupa di marketing Facebook si presta in particolare per :

– Creare una pagina (relativa all’azienda, a un brand ecc.) che puo’ essere personalizzata, poiche’ la grafica in facebook e’ piu’ importante di quanto sembri.

– Condividere in modo social la pagina e promuovere il coinvolgimento delle persone a cui ci si vuole rivolgere.

– Analizzare le statistiche disponibili gratuitamente. Facebook Insight infatti mostra il numero di visite giornaliere per pagina e con Facebook Lexicon e’ possibile monitorare anche i trend delle varie bacheche.

– Creare pubblicita’: per creare un annuncio a pagamento bisogna andare nella sezione advertising, creare il messaggio aggiungere eventuali immagini e scegliere i destinatari. A questo punto non rimane che quantificare il costo per clic dell’annuncio; esiste un minimo richiesto giornalmente ma e’ piuttosto basso.

– Creare gruppi di fan e realizzare specifiche applicazioni (tramite Facebook Applications) che possono essere messe on line sulla pagina e diffuse attraverso annunci a pagamento.

Quindi Twitter che oltre a essere un social network e’ anche un micro blog che mette a disposizione degli utenti una pagina personale aggiornabile tramite messaggi di testo con una lunghezza massima di 140 caratteri. Si tratta di un blog ma micro perche’ creato con post e messaggi corti, semplici e efficaci. Lo scopo principale e’ quello di comunicare a tutti quello che si sta facendo in quel preciso istante. Proprio per le sue possibilita’ di ascolto e coinvolgimento, Twitter puo’ essere utilizzato in maniera efficace nel business, dal momento che permette di partecipare alla community, dando e ricevendo informazioni utili al proprio settore di interesse e offre una serie di prodotti e servizi utili di pubblicita’ on line.

 

 

giu 25

Impariamo a trattare con le persone

Ricordati sempre che, quando scrivi qualcosa, realizzi un video o partecipi ad una community, al di la’ del monitor ci sono delle persone e che ti rivolgi ad ognuna di loro, questo migliorera’ notevolmente la tua comunicazione. Percio’ ringrazia sempre e accogli tutti con un sorriso, che sottolinei il tuo entusiasmo e il desiderio di condividere il tuo tempo con loro.

Fai sentire importante chi entra in contatto con te, che non significa falsa adulazione, ma sincero apprezzamento. Questo vale anche nella vita di tutti i giorni: interessati sinceramente agli altri e ne trarrai tu stesso un grande beneficio.

Purtroppo spesso ci interessiamo agli altri quando questi si interessano a noi, ma questo e’ gia’ sbagliato a priori. Se infatti vuoi che la vita ti sorrida devi affrontarla con un sorriso, sempre e comunque e imparare a comunicare con gli altri nel giusto modo.

Che cosa vuole infatti la gente? Oltre alla salute, al denaro, alla serenita’, tutte le persone desiderano sentirsi importanti e apprezzate. Impara quindi il loro nome e ripetilo ad ogni occasione; ascolta il loro punto di vista ed infine parla di cio’ che suscita loro interesse.

La parola d’ordine se vuoi riuscire ad ottenere cio’ che vuoi deve essere ascolto, condivisione e sincero interesse, accompagnati sempre da spontaneita’ e naturalezza.

giu 25

Il potere del blog

Che cos’e’ un blog? Un blog prima di tutto e’ un diario (dall’inglese web log), un sito on line dove le persone possono scrivere e pubblicare (“postare”) idee, immagini e link ad altre pagine e siti web.

Il blog ha avuto negli ultimi anni una diffusione enorme diventando uno strumento di comunicazione a tutti gli effetti.

Da semplice ed efficace diario on line si e’ passati a veri e propri siti, in cui vengono postati dei contenuti specifici.

Un buon blog, per essere efficace, deve essere sempre aggiornato e molto dinamico, questa e’ anche la prima regola di seo. Il primo punto da considerare, quando si decide di creare un blog e’ la piattaforma da utilizzare. Ne esistono diverse in rete e hanno tutte funzionalita’ specifiche. Le principali piattaforme sia italiane che internazionali sono: Word Press, Blogger, Expression Engine, Das Blog, Movable Type, Register, Tumblr.

La piattaforma piu’ conosciuta e popolare per la creazione di un blog tuttavia e’ Word Press, che oltre ad essere gratuita, offre molte possibilita’ di personalizzazione. Esiste una versione con il servizio di hosting oppure si puo’ effettuare il download dal sito di Word Press e installarla nel proprio host di riferimento. Un’altra piattaforma semplice, anche se poco modificabile, e’ Blogger.com, che attraverso un account di Google, permette di creare blog semplici e gratuiti.

Dopo aver iniziato la creazione del contenuto bisognera’ prima di tutto cercare di partecipare alla blogosfera, facendo conoscere il proprio blog e intervenendo con commenti in blog simili per temi e solo in seguito utilizzare strumenti piu’ ampi di promozione.

In genere la promozione on line e’ consigliata dopo due mesi dal lancio del blog, per avere un contenuto sufficiente e appetibile da parte degli utenti. Il blog va registrato, quindi, nelle directory di blog; la prima in cui farlo sicuramente e’ Technorati a questa si possono aggiungere BlogCatalog.com, Dmoz.org o Liquida.it tutte gratuite e che attuano un ottimo lavoro di seo e di diffusione del blog nella rete.